"Abitano" con noi
Giorgio Cicardini
Il semaforo è verde, giro a destra per via Verdi, piazza della Croce poi imbocco via Circonvalazione in direzione dell’autostrada per Milano.
Sono in ritardo sul programma della giornata. Guido senza distrarmi su ciò che mi circonda. Ma in piazza della Croce qualcosa attira la mia attenzione. Mi soffermerò al ritorno.
È una sera del 1998 e sto ammirando una scultura in bronzo di notevole bellezza e impatto visivo: la "Somala al vento" un capolavoro di Salvatore Fiume. Questa è la prima delle quindici sculture realizzate da artisti contemporanei noti o emergenti che in pochi anni verranno installate nel comune di Origgio creando un percorso d’arte di notevole interesse fra luoghi e spazi urbani. Queste sculture sono parte integrante dell’ambiente, danno una forza espressiva al luogo in cui sono state collocate, coinvolgono e vivono con chi le sa guardare e apprezzare.
Nell’anno 2005 il comune di Origgio ha realizzato il catalogo ”Origgio Scultura e Territorio” dove le sculture sono presentate con fotografie, scheda e presentazione dell'autore.

All'interno del Municipio in via Dante sono collocate le sculture San Defendente in pietra, fine XVIII secolo (autore anonimo), Esonartece III, bronzo, del 2003, di Iginio Balderi , Giovanni Virginio Schiapparelli, bronzo di Luigi Secchi (1853 - 1921).

Presso la scuola elementare Alessandro Manzoni è collocata la scultura del Narciso realizzata in bronzo da Eros Pellini (1909 - 1993).
Clicca sulle aree colorate
per visualizzare le sculture